Diabete: l’ortaggio che abbassa i livelli di zucchero nel sangue | Tutti ce l’abbiamo in cucina

Se guardi in cucina, sicuramente hai  questo ortaggio. Una ricerca ha scoperto che è formidabile per abbassare i livelli di zucchero nel sangue, ideale quindi per chi soffre di diabete di tipo 2

Le statistiche dimostrano che una persona su 10, di età superiore ai 40 anni, soffre di diabete di tipo 2. Le persone con diabete di tipo 2 non sono in grado di produrre insulina sufficiente dal pancreas per regolare la glicemia, il che significa che la loro glicemia può raggiungere livelli pericolosamente alti.  Tuttavia, esiste un ortaggio comune che può abbassare i livelli di zucchero nel sangue fino al 50%.
Ortaggio contro il diabete
L’ortaggio contro il diabete (foto Canva)

Si sa, per combattere molte malattie e tutelare la nostra salute la prima arma a disposizione è il cibo di cui ci nutriamo. Molte persone rimarranno stupite nello scoprire che una recente ricerca ha evidenziato gli effetti portentosi di questo ortaggio comunissimo. I suoi effetti sui soggetti affetti da diabete sono stupefacenti.

I risultati della ricerca

La ricerca, condotta dai ricercatori della Delta State University di Abraka, in Nigeria, ha evidenziato come l’estratto di questo comunissimo ortaggio, somministrato in modelli animali, abbia degli effetti notevoli sui soggetti affetti da diabete. Dopo la sua regolare somministrazione si nota in primis una riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue, con però un incremento dell’appetito. In secondo luogo, lo studio ha dimostrato che l’estratto, associato alla somministrazione della metformina, riduce in maniera significativa i livelli di glicemia e ne potenzia l’effetto.

Gli animali su cui è stata condotta la ricerca sono dei ratti affetti da diabete, indotto medicalmente. I ratti trattati con 400 e 600 mg di estratto, per kg di peso corporeo, hanno mostrato un livello di glucosio nel sangue nettamente inferiore. I livelli più precisamente si sono ridotti rispettivamente del 50% e del 35%.

L’ortaggio in questione altro non è che la cipolla. Questo non è stato ancora testato sulle persone, ma si sta già parlando degli effetti straordinari che potrebbe avere sui malati di diabete. L’estratto, nel caso di sperimentazione su esseri umani, dovrà essere purificato in maniera tale che i principi attivi risultino adeguati a livello di dosaggio.

L’ortaggio portentoso: la cipolla

L’estratto di bulbo di cipolla può abbassare notevolmente i livelli di zucchero nel sangue e di colesterolo totale se somministrato insieme a metformina. La cipolla andrebbe inserita nell’alimentazione come un vero e proprio integratore per combattere l’iperglicemia e il diabete mellito di tipo 2.
La sua composizione chimica è ricchissima di nutrienti e antiossidanti. Questo ortaggio è in grado di attivare tutte le funzioni organiche, è antibatterica e antinfettiva e stimola il funzionamento dei reni innescando i processi diuretici. Il consumo regolare di questo ortaggio riduce il rischio di malattie cardiovascolari, visto che abbassa il tasso di colesterolo e riduce la densità del sangue.
Cipolla contro il diabete
Cipolla (foto web)

La cipolla è economica e disponibile tutto l’anno e può essere usata come integratore, come spiegato dal Dottor Ojieh, per il trattamento di pazienti affetti da diabete. L’importante, come per tutte le cose, è non abusare del prodotto e usarlo secondo le raccomandazioni mediche. La buccia e gli strati esterni della cipolla sono ricchissimi di fibre alimentari e flavonoidi dalle importanti proprietà antiossidanti.

Il rinnovamento del sangue e dei liquidi organici promosso dalla cipolla e il ringiovanimento cellulare che ne consegue hanno un effetto benefico su tutte le persone che soffrono di artrite e artrosi, di iperuricemia e di gotta, di dolori muscolari.

Impostazioni privacy