Paypal, il “trucco” che usano per sottrarti dati e soldi | Attenzione alla truffa che dilaga sul web

Subire una truffa online è un po’ il terrore di molti, anche con chi ha grande famiiarità con la tecnologia. E’ proprio per questo che è bene conoscere i rischi che si possono correre in modo tale da evitare situazioni davvero spiacevoli.

Il web ormai diventato uno strumento che fa parte della quotidianità di molti di noi, non solo per motivi professionali ma anche personali. Navigando in rete si ha la possibilità non solo di lavorare, ma anche di tenere i contatti con amici e familiari, oltre che di informarsi e fare molte altre attività.

Paypal (fonte web)
Paypal (fonte web)

Quando si è collegati, però, l’attenzione deve essere sempre massima se si vuole evitare di entrare in contatto con alcuni malintenzionati. Molti, infatti, approfittano della buona fede di molte per carpire informazioni personali. Uno dei timori è certamente quello di andare incontro a una truffa.

Paura truffa quando si naviga online

Entrare in contatto con alcuni estranei è più semplice di quanto si possa pensare quando si naviga in rete. Anzi, a volte si finisce per parlare con loro anche solo per curiosità o perché si scopre di avere un interesse in comune.

In casi come questi sarebbe bene però evitare di fornire non solo informazioni, ma anche dati personali, come quelli relativi a indirizzo di casa, numeri di telefono o, a maggior ragione, relativi al conto corrente. Se si rende conto solo successivamente di averlo fatto tornare indietro potrebbe essere difficile.

I problemi possono nascere soprattutto quando si decide di fare shopping online, soprattutto se di risulta allettati da un’offerta che può apparire conveniente rispetto a quella disponibile nel negozio fisico.

Molti provano ad oltrepassare questa paura puntando su una carta prepagata, che ha il vantaggio di poter essere ricaricata solo con l’importo necessario. Non si arriva così a subire il furto di una cifra superiore rispetto a quella che si desidera spendere. Ora la varietà anche in questo ambito non manca, anzi ce ne sono diverse anche fornite dalla propria banca. Può bastare questo per evitare di subire una truffa?

Attenzione massima se si usa Paypal

Fino ad ora molti hanno pensato che uno dei sistemi più sicuri per effettuare una transazione online fosse Paypal. Una volta memorizzati i propri dati della carta di credito, tutto avviene in modo automatico. Questo è vero, ma purtroppo solo in parte, alcuni malintenzionati sembrano essere riusciti a bypassare anche questo metodo.

Lo strumento che finora ha avuto maggiore efficacia consise in un messaggio di phising, ovvero quelle email che puntano sulla buona fede degli utenti indicando una serie di accrediti su conti correnti virtuali, in realtà mai esistiti.

truffa hacker PC
Hacker in azione – Foto | Pixabay

L’inganno è riuscito spesso anche con utenti apparentemente esperti. Basta infatti poco per sortire l’effetto: in genere il mittente è un istituto bancario conosciuto, spesso addirittura quello con cui si ha un conto corrente, in modo tale che questo venga percepita come una comunicazione ufficiale.

Questo spinge così i destinatari a cliccare quasi senza accorgersi al link collegato, senza rendersi conto dell’effetto che questo può provocare. Guai quindi a inserire i propri dat personali, il rischio di vedersi prelevato del denaro in pochi secondi è davvero dietro l’angolo.

Impostazioni privacy